tattoo donna clown rosa

Stile Tattoo Chicano

Stile Tattoo Chicano: scopriamo insieme lo stile utilizzato per l’esecuzione di questo affascinate genere di tatuaggi!

Il Tatuaggio Chicano si sviluppò principalmente all’interno dei confini statunitensi; infatti è qui che i messicani provenienti dalla madrepatria, si stabilirono introducendo la loro cultura: in un nuovo stile di vita, nell’abbigliamento, nella nuova espressione artistica dei ‘murales’, nella musica e infine nei tatuaggi.

 

Stile tattoo chicano

Come abbiamo già affrontato nell’articolo “Tattoo Chicano”, questo stile non si limita alla mera sfera dei tatuaggi: infatti rappresenta una vera e propria entità culturale. Nasce nei “Barrios” americani ( sobborghi cittadini ) e troverà poi un notevole sviluppo in tutto il resto del mondo. Anche se le sue origini, soprattutto per quanto riguarda la simbologia dei soggetti trattati, provengono da una sfera esterna alla “legalità”, oggi non è così; infatti possiamo trovare questo genere, espresso sopra la pelle di qualunque individuo, indipendentemente dal suo Heritage culturale.

Sviluppo dello stile

Inizialmente i primi esecutori di questo stile non potevano permettersi l’uso delle macchinette e per lo più venivano eseguiti dai galeotti incarcerati. Perciò i tatuaggi venivano realizzati con un unico ago, spesso da cucito, che veniva immerso nel semplice inchiostro per scrivere su carta, l’India Ink. Quindi lo stile del disegno risultava particolarmente pulito e composto da linee molto sottili; perciò il soggetto appariva ricco di dettagli. Ritroviamo anche la presenza di ombreggiature importanti. Oggi questo genere, è stato ripreso e mantiene la stessa pulizia e la stessa stesura sottile della linea; spesso però viene integrato con altri stili che ne modificano l’esecuzione e il risultato stilistico ed esecutivo.

Temi trattati

I temi che vengono trattati in questo genere, sono rimasti invariati sin dai suoi albori:

  • bellissime donne dai capelli lunghi;
  • immagini iconoclastiche, come mani giunte circondate da un rosario;
  • macchine di epoche passate;
  • maschere in cui una ride e l’altra piange ( “Smile Now, Cry Later” );

etc…

Quindi ritroviamo soggetti che richiamano la cosiddetta “Vida Loca” perseguita dai membri chicani delle gang del secolo scorso che capeggiavano nelle strade di Los Angeles. Infatti possiamo ritrovare ritratte anche scene di vita reale dei clan del tempo. Troviamo inoltre la presenza di elementi esterni alla gestione di queste associazioni, come la rappresentazione di momenti di vita passati nei “Barrios” da giovani o ritratti di familiari, parenti e persone care.

I Chicani nella società del tempo

Per coloro che erano esterni al mondo dei “Barrios”, questi tatuaggi rappresentavano un monito verso la persona che li aveva tatuati poiché indicavano un criminale; mentre per gli stessi chicani, rappresentavano un simbolo lealtà verso la propria gang, la famiglia e i suoi ideali, Dio e nei confronti della comunità. Ricordiamo inoltre l’utilizzo di soggetti quali guerrieri aztechi e comunità precolombiane tra i più scelti da tatuare; questo perché erano visti come simbolo di orgoglio per le proprie radici e indicavano la discendenza da un popolo forte e indipendente: esistito secoli prima la venuta dell’uomo europeo.

PAÑOS

Un paragrafo a parte, lo dobbiamo dedicare ai cosiddetti PAÑOS: non sono altro che delle rappresentazioni e raffigurazioni che venivano disegnate su fazzoletti di carta, lenzuola o fodere dei cuscini, dai carcerati. Potevano ritrarre disegni che rimandavano alla sfera cattolica, come pure immagini puramente appartenenti all’ideologia della “Vida Loca” professata dal credo della loro gang di appartenenza; o ancora essere utilizzati per scambiarsi favori tra carcerati o come linguaggio segreto. Spesso venivano conservati e inviati ai propri familiari che, invece di esporli, li tenevano in album rilegati per poterli mantenere intatti nel del tempo. Tra le varie ispirazioni che guidavano la stesura dei PAÑOS, ricordiamo anche il “Lettering” che veniva utilizzato nei ‘murales’ dei giovani chicani dell’epoca.

0 301