work in progress Studio Tiziano Marocchi

Dove fa male tatuarsi

Dove fa male tatuarsi: scopriamo le soggette più soggette alla percezione del dolore in cui farsi un tatuaggio.

Dopo aver parlato dei vari fattori che influiscono sul dolore che si può provare nel farsi un tatuaggio ( leggi “Fa male fare un tatuaggio?” ), ora vediamo insieme quali sono, nello specifico, le aree più sensibili del corpo in cui tatuarsi. Infatti anche questo è un fattore che influisce sulla scelta del tatuaggio e della zona in cui farselo.

 

Dove fa male tatuarsi

Prima di tutto bisogna dire che le zone più soggette alla percezione del dolore sono quelle in cui sotto la pelle non è presente alcuno strato di grasso o muscolo, quindi poggia direttamente sull’osso! Vediamo dunque di quali zone si tratta.

Piedi

L’area dei piedi è particolarmente sensibile poiché è tendenzialmente molto magra e ricca di terminazioni nervose; basti pensare al fatto che molte persone soffrono il solletico sui piedi. Dal momento che le zone più sensibili della suddetta area cambiano da individuo a individuo, è importante conoscere il proprio punto dolente in modo tale da scegliere la zona meno sensibile possibile. Inoltre dal momento che il piede è un’area molto dolorosa in cui farsi tatuare, potrebbe accadere di muoversi durante la seduta, compromettendo il lavoro del tatuatore nonché il disegno stesso. Il processo di guarigione è molto lungo ed è necessario prestargli particolare attenzione evitando scarpe troppo strette che compromettano la sua guarigione.

Orecchio

Anche la zona circostante l’orecchio è molto sensibile: infatti è ricca di terminazioni nervose, manca di tessuto grasso o muscolare, è una zona molto ristretta e ha un tessuto veramente molto sottile. I soggetti scelti per questa zona di solito, sono legati al mondo musicale ma la sua particolare posizione, può provocare un tremore incontrollabile del cranio durante la seduta.

Testa

La zona della testa è in tutta la sua estensione una zona molto dolorosa: nessuna area ve ne è esclusa. Molto apprezzato dalle persone calve, su cui è possibile realizzare dei veri capolavori, la cura risulta essere molto difficile per chi invece porta i capelli lunghi: infatti i capelli sono portatori di batteri, e vanno quindi portati legati fino alla completa guarigione del tattoo. Inoltre bisogna fare a attenzione, quando si dorme, a non strofinarlo con il cuscino.

Costato

Il costato è una delle zone più dolorose per farsi tatuare poiché è una zona ricca di terminazioni nervose e priva di tessuto grasso. Particolarmente doloroso risulta per chi possiede le costole sporgenti. Nonostante il dolore provato, questa è una delle zone più suggestive in cui tatuarsi.

Labbra

Uno dei posti più insoliti e particolari in cui farsi tatuare risulta sicuramente l’interno del labbro! Di solito viene decorato con una scritta, ma essendo una zona composta totalmente da carne morbida, il dolore provato sarà sicuramente notevole; bisogna inoltre tenere presente che successivamente alla sua realizzazione si va incontro a una sensazione anestetizzante e di gonfiore. IL tatuaggio trovandosi sopra una mucosa tenderà purtroppo a sbiadirsi col tempo.

Collo

La zona del collo più che dolorosa risulta essere fastidiosa. La guarigione è scomoda soprattutto per chi porta i capelli lunghi e bisognerà prestare molta attenzione durante la notte. Quindi il fastidio maggiore sarà dopo la sua realizzazione in cui: si dovrà affrontare la noia di dormire tutta la notte nella stessa posizione e si proveranno continui dolori appena muoverete il collo.

Ginocchia e Gomiti

Le ginocchia e i gomiti sono tra le zone più dolorose in assoluto poiché rappresentano gli “spigoli” del nostro corpo, in cui la pelle aderisce perfettamente alle ossa. Anche la parte posteriore del ginocchio non scampa a tale classificazione poiché è una zona ricca di terminazioni nervose.

Caviglia

Questa zona è molto dolorosa poiché è completamente priva di grasso o muscoli; quindi sentirete tutta la pressione dell’ago direttamente sull’osso. È comunque un tatuaggio molto richiesto poiché è una zona molto accattivante sia per gli uomini che per le donne. Anche qui, come per il collo, essendo una zona soggetta a spostamenti continui, si potrebbe provare fastidio ad ogni movimento del piede nei primi giorni di guarigione.

Inguine

Anche questa è una zona molto affascinante ma non si sottrae al dolore che si proverà durante l’esecuzione; infatti più ci si avvicina al pube più si percepirà il dolore poiché è un area ricca di terminazioni nervose e composta da tessuto adiposo. Particolarmente doloroso quindi risulterà per il sesso femminile. Inoltre è una zona molto delicata e soggetta a facili infezioni, quindi è doveroso curarla più volte al giorno ed evitare indumenti costrittivi e sintetici.

Schiena

La schiena è una zona in cui la percezione del dolore cambia a seconda della posizione prescelta per il tattoo. Infatti se si sceglierà un’area sovra muscolare il dolore sarà minore; viceversa più ci si avvicinerà alla zona della spina dorsale, ricca di terminazioni nervose, più il dolore sarà acuto. Perciò meno muscoli o grasso saranno presenti sulla zona della schiena prescelta, più dolore si percepirà. Avvicinandosi poi alla zona sacrale il fastidio aumenta. Quindi decidete con cura e consapevolezza.

Anca

Sull’anca vale lo stesso discorso del gomito, ginocchio, spina dorsale etc.… poiché è anch’essa una zona sporgente in cui la pelle aderisce all’osso. È un tatuaggio molto sexy e anche se vi farà soffrire un po’, il risultato ne varrà la pena.

Tra anca e pube

Anche questa zona è particolarmente seducente e potrete nasconderlo facilmente sotto il bikini/costume. Il dolore, soprattutto per le donne è rilevante, ma il risultato vi soddisferà pienamente.

Palpebre e Occhi

Tendenza degli ultimi tempi proveniente dagli Stati Uniti, è il tatuaggio sulle palpebre e sugli occhi. Per quanto riguarda quello sulle palpebre è decisamente doloroso poiché ricco di terminazioni nervose, composto da uno strato sottilissimo di pelle e da tessuto molle. Ai lati dell’occhio e delle sopracciglia il discorso cambia leggermente grazie alla presenza di tessuto grasso, ma rimane sempre una zona dolorosa. Ultimamente si sta assistendo anche alla realizzazione di tatuaggi all’interno dell’occhio, sulla sclera ( parte bianca dell’occhio ), il cui dolore è davvero indescrivibile visto la delicatezza e sensibilità dell’area.

Zone Infradigitali

Infine ricordiamo la zona tra le dita di mani e piedi: le aree infradigitali. Anche qui il fastidio provato non sarà indifferente soprattutto perché sono aree molto attive e durante il processo di guarigione vi causeranno non pochi fastidi.

Quanto appena descritto sono le aree con il livello di dolore più alto, ma non bisogna spaventarsi: in primo luogo perché esistono dei rimedi, come creme anestetiche che ti potrà consigliare il tuo tatuatore; in secondo luogo perché il dolore è un elemento totalmente soggettivo che cambia da individuo a individuo; per questo è importante conoscere bene i propri limiti e la propria soglia del dolore.

0 169